se condividi i nostri obiettivi, sostienici !!!!!

Newsletter  

Ricevi aggiornamenti su attività e dal blog Bilinguismo:istruzioni per l'uso !

Italobimbi aderisce a  

Partner  

Zweisprachigkeit

 

Bilingue e televisione parte 2

per leggere la prima parte di Bilingue e televisione

 autoritratto, tempera, 

                                                                                                      4 anni e mezzo

Bisogna prima sapere chi siamo per poterci sentire cittadini del mondo!

Questo è diventato il motto di Italobimbi, che promuove la cura della lingua italiana quando questa si trova ad essere lingua minoritaria. Come accennavamo in precedenza, il fenomeno del bilinguismo in Lussemburgo assume sfaccettature molto più variegate che nella maggior parte del resto del mondo.

I nostri bambini hanno facile accesso a canali televisivi in francese, tedesco e spesso anche in inglese. Che fortuna, direte… in un certo senso sì ma …. Ho visto qui famiglie bi-nazionali che non si sono mai fatti problemi riguardo all’apprendimento linguistico dei propri figli: in base al motto “i bambini sono come spugne, imparano subito”, li hanno mandati senza indugio (e spesso senza avere altra scelta) ad un asilo lussemburghese-francofono e in casa si rivolgono a loro ognuno nella propria lingua, ovviamente diversa dalle due dell’asilo. Risultato è che i bambini a 4 anni sanno esprimersi in 4 lingue!!!  E, inoltre, hanno tutte le carte in regola per integrarsi nella comunità locale.

Ma non tutte le realtà sono così,

un po’ per scelta, un po’ no. Un modello come quello descritto presenta secondo me una lacuna: il bambino cosa si sentirà? Infatti, il bambino inconsapevolmente nomina una delle sue tante lingue come lingua principale e nelle altre se la cava all’occasione, con un forte accento della lingua scelta come principale. Non è raro che l’idioma principale diventi quella dell’asilo e spesso si incontrano bambini con un forte accento francese in tutte le lingue che parlano, senza avere nessun genitore francofono!

E’ per evitare questo che con mio marito abbiamo deciso di dare delle solide radici ai nostri bimbi, esponendoli “solo” alle due lingue di casa fino all’età di 4/5 anni, per garantire loro una solida base. Ciò è stato anche possibile, cosa che non è per tutti i casi, ovviamente. Comunque, noi ci siamo impegnati a non accendere mai la tv a caso e a mostrare esclusivamente dvd ed esclusivamente nelle nostre due lingue. Lo svantaggio di questa scelta è che i nostri bimbi alla loro “veneranda età” di 4 e 5 anni passati, non parlano ancora il francese, lingua franca in Lussemburgo, né l’inglese, né tantomeno il lussemburghese, purtroppo ultimo nel nostro elenco di priorità.

Quale sia la scelta giusta e se ce ne sia una, non posso dirlo, ma una cosa è certa, nel mondo del bilinguismo c’è ancora molto da scoprire!

Aggiungi commento

Sono benvenuti commenti in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, olandese, svedese!
Comments in English, French, German, Spanish, Portugues,Dutch and Swedish are welcome!


Codice di sicurezza
Aggiorna

   
| Mercoledì, 16. Aprile 2014 || Joomla || Web Agency: Dazo.it Template: LernVid.com |