se condividi i nostri obiettivi, sostienici !!!!!

Newsletter  

Ricevi aggiornamenti su attività e dal blog Bilinguismo:istruzioni per l'uso !

Italobimbi aderisce a  

Partner  

Zweisprachigkeit

 

Insegnare lingue trasparenti o lingue opache: i metodi sono diversi!

 

 

Leone, mosaico, 6 anni

 

Nonostante le controversie sulla posizione dell’olandese nella scala di trasparenza, se messo a confronto con la coerenza dell’ortografia italiana, presenta certamente un carattere opaco. Propongo qui il caso dell’olandese, di cui ho esperienza diretta, ma, con i dovuti accorgimenti, il concetto è applicabile a qualsiasi combinazione lingua trasparente - lingua opaca.

E’ interessante esaminare i diversi metodi di alfabetizzazione usati per le due lingue. Se si comparano due libri di testo per la prima classe della scuola primaria, si noterà che l’italiano non ha sostanzialmente cambiato metodo nel corso del tempo. Si sono modernizzati gli esempi, la grafica, gli esercizi, si ha una lieve tendenza a proporre le sillabe e non la singola lettera, ma sostanzialmente non cambia molto.

Imparare a leggere "M" e poi "A" oppure "MA" insieme non cambia la sostanza.

Il libro di testo olandese, invece, introduce parole e non grafemi. L’olandese si avvale delle numerose parole monosillabiche di senso compiuto presenti nella lingua che svolgono la doppia funzione di insegnare a leggere un grafema, che si ritroverà più tardi in altri contesti, e, allo stesso tempo, insegnare una parola che verrà immagazzinata nella memoria del bambino ed entrerà a far parte di quel bagaglio mnemonico a cui potrà attingere in seguito.

Il bambino alfabetizzato in olandese legge intere pagine di parole monosillabiche per fissare nella memoria il fonema. Mentre il bambino alfabetizzato in italiano deve imparare ad associare un suono ad un grafema e questo esercizio lo potrà poi ripetere nelle infinite combinazioni presenti nelle parole italiane. Teoricamente, con un po’ di sforzo, è in grado di leggere qualsiasi parola, dalla più breve alla più lunga. Al massimo può crearsi confusione a livello di prosodia  (intonazione, dove cade l’accento).

Scrivere è un’altra cosa….anche in italiano!

In seguito parleremo della differenza tra lettura e scrittura, ci basti ricordare in questa sede che la produzione scritta presenta maggiori difficoltà rispetto alla lettura.

Non dimentichiamoci che l’ortografia svolge un importante ruolo di censura sociale. Nel video il prof. Patota   ci offre una panoramica dei motivi alle origini degli errori di ortografia. 

 

 

Pertanto, anche un’ortografia tanto coerente come quella italiana presenta le sue difficoltà.

Il raddoppiamento fonosintattico, ovvero “le doppie” ne è un tipico esempio. Mentre altri aspetti ostici, quali possono essere le lettere senza valore fonologico introdotte per motivi distintivi come la h di alcune voci del presente indicativo del verbo avere, oppure la i etimologica della parola scienza, o altre ambiguità come la concorrenza delle sequenze cu e qu nel rappresentare lo stesso suono [kw],  sono elementi che richiedono un apprendimento prevalentemente mnemonico, il problema delle doppie consonanti contiene anche un aspetto uditivo.

Ciò significa che più è corretta la pronuncia del bambino, e ovviamente dell’insegnante, più sarà facile arrivare alla soluzione corretta. Un certo talento musicale può aiutare il bambino a riconoscere le doppie.

Un po’ di storia …

Il sistema ortografico italiano deriva direttamente dal sistema di scrittura instauratosi a Firenze tra il Duecento e il Trecento e, in seguito, dalle scelte operate da grammatici, tipografi e letterati del Cinquecento che hanno prediletto l’impostazione fonetica del sistema ortografico.

Il sistema non ha subito molte modifiche sostanziali nel corso del tempo ed è per questa continuità che, per dirlo con le parole della dott.ssa Maraschio, presidente dell’Accademia della Crusca e docente di Storia della lingua italiana presso l’università di Firenze, oggi abbiamo “il privilegio di poter leggere e capire ancora quei testi trecenteschi e di sentire ancora nostra la loro lingua […]”.

 

 

Commenti  

 
0 #1 fertility 2014-03-16 06:35
Have you ever seen their site lately? Their Clearblue Easy fertility
monitor obtained many fantastic ratings!
Citazione
 

Aggiungi commento

Sono benvenuti commenti in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, olandese, svedese!
Comments in English, French, German, Spanish, Portugues,Dutch and Swedish are welcome!


Codice di sicurezza
Aggiorna

   
| Sabato, 19. Aprile 2014 || Joomla || Web Agency: Dazo.it Template: LernVid.com |